Archiv

Fahnenstreik auch in Venetien

Allgemein, Archiv

In einem offenen Brief an alle Bürgermeister und Verwalter öffentlicher Körperschaften sowie an die Bevölkerung von Venetien hat die Vereinigung Veneto Lion dazu aufgerufen, am 24. Mai keine italienische Trikolore auszuhängen, sondern die Fahne Venetiens mit Trauerflor. Wir sind natürlich erfreut darüber, dass auch anderorts eine Kriegserklärung kein Grund zum Feiern ist, so Roland Lang, Obmann des Südtiroler Heimatbundes.

Ein Kriegsbeginn könne und dürfe niemals gefeiert werden, schon gar nicht der Beginn dieses Angriffskrieges, den Italien hätte verhindern können bzw. müssen.

Die Anordnung der italienischen Regierung, am 24. Mai die Trikolore an allen öffentlichen Gebäuden auszuhängen, sei eine Beleidigung der vielen Opfer dieses Krieges und der damals angegriffenen Völker. Es sei der kindische Versuch, einen Nationalismus zu entfachen, der den in Italien lebenden Völkern fremd sei. Die schändliche Anordnung der italienischen Regierung rufe nur deswegen keine internationalen Konsequenzen hervor, weil man bei den auf diese Weise von Italien beleidigten Regierungen bereits wisse,  dass der verantwortungslose Infantilismus eine chronische Krankheit von Italien ist.

Wie die Vereinigung Veneto Lion mitteilt, haben bereits 15 Bürgermeister in Venetien zugesichert, diesen Aufruf zu befolgen .

Roland Lang
Obmann des Südtiroler Heimatbundes

Bild: Franco Rocchetta, einer der Unterzeichner des offenen Briefes (2. von rechts) mit SHB Mitgliedern bei einer Kundgebung in Venedig

Nachstehend der offene Brief:

Lettera Aperta da Veneto Łión a tutti i Sindaci della „Regione del Veneto“.

 

24 Maggio 1915 – 2015  :  LUTTO,  non Festa.

Spettabile Sindaco,

questo anno di grazia 2015, che ci riporta, per i 100 anni trascorsi, agli orrori ed ai lutti della Prima Guerra Mondiale, dovremmo tutti raccoglierci in meditazione e, per chi ha la fortuna di credere, in preghiera.

Molti milioni di uomini sono morti in quella che Papa Benedetto XV ha riconosciuto e denunciato essere l’inutile strage. Pregare per la nostra anima, per alleviare l’eterno soffrire di quei giovani che con vesti diverse sono atrocemente morti chiedendo aiuto allo stesso Dio.  Riflettere per capire, per conoscere e maturare una seria cultura di pace e di rispetto, di lealtà e diverità.

Ritornare con la mente al 1915 ed alle terrificanti conseguenze della dichiarazione di guerra lanciata dal Regno d’Italia contro l’Impero Austro-Ungarico è doveroso, e va fatto con quella compostezza che ci pervade quando andiamo a trovare i nostri cari in cimitero.

Tutti i popoli del mondo hanno elaborato delle simbologie per manifestare e quindi esternare, condizioni interiori, sia individuali che collettive, ritenute meritevoli di rispetto, il lutto fra tutte.  La bandiera a mezz’asta,  i balconi socchiusi, il nastro nero al braccio  sono segni di sofferenza che sicuramente ben si addicono a commemorare degnamente quei giovani infelici  privati della vita a seguito di quella sciagurata “dichiarazione di guerra” di 100 anni fa, e per ricordare altrettanto degnamente i lutti e le immense sofferenze patite dalle popolazioni.

Poco conta se qualcuno ritiene che l’inizio di una guerra sia positivo per i lauti guadagni goduti da alcuni.

UNA GUERRA NON E’ MAI UNA BUONA COSA! Una guerra è immorale per definizione, in se stessa. Non si celebra l’inizio di una guerra. Non si festeggia l’inizio di una guerra di aggressione. Si può celebrare la vittoria di una guerra perché è l’inizio di una pace, ma mai l’inizio di una guerra.

Lo Stato Italiano nel 2015 ha dato ordine agli Enti territoriali,   – e quindi anche ai Comuni veneti – ed a quant’altri sotto diretto gerarchico controllo di esporre il tricolore il 24 maggio 2015, giorno di entrata in guerra. L’esposizione della bandiera dello Stato Italiano, ritta sul pennone, rientra fra i segni esteriori attraverso i quali lo Stato Italiano vuole manifestare ed attestare gioia ed orgoglio per un determinato fatto del quale il giorno dell’ostentazione vi è ricorrenza. Tale disposizione dell’attuale Governo dello Stato Italiano ci lascia sbigottiti ed offesi, quasi increduli. La schizofrenia ridanciana dello Stato Italiano con l’ottimismo ad oltranza e  l’incosciente nazionalismo da „curva sud“  insulta la storia, insulta i lutti ed il dolore ed insulta i ricordi ed insulta ed indigna noi Veneti assieme a tutti i popoli che finalmente affratellati formano l’Europa. Come può vivere un Austriaco, uno Slovacco, un Ceko, un Bavarese, uno Sloveno, un Tirolese, un Veneto, un Polacco, un Friulano, un Siciliano, un Toscano, un Bosniaco, un Sardo, un Ligure, un Galiziano, un Croato, un Ungherese il “festeggiamento” dell’inizio di una guerra fratricida dichiarata a tradimento? Quei popoli che spesso erano già allora fratelli, e che sono stati per scelta non loro nemici in trincea, ora sono fratelli, e vogliono costruire la pace. Il fallimentare Stato Italiano, invece, vuole rinverdire lo spirito della retorica di quella guerra nel puerile progetto di creare e consolidare un triste nazionalismo che non appartiene, e mai è appartenuto, ai popoli della Penisola.

In altri tempi, o forse con altri soggetti, tanto scellerata disposizione del Governo dello Stato Italiano avrebbe generato serie conseguenze internazionali. Se ciò non accadrà sarà solo a ragione del fatto che le Cancellerie degli Stati offesi dall’agire del Governo Italiano avranno la maturità di capire che tali manifestazioni di irresponsabile infantilismo sono una malattia cronica dello Stato Italiano.

Il Popolo Veneto ha una lunghissima tradizione di pace e convivenza con gli altri popoli d’Europa e della Penisola, il Popolo Veneto NON PUO’ FESTEGGIARE L’INIZIO DELLA GUERRA DI AGGRESSIONE che tanto lo ha dissanguato e devastato.

Invitiamo tutti i Sindaci e gli Amministratori locali del Veneto a non esporre il tricolore il giorno 24 maggio 2015 o, quantomeno, qualora loro temessero ritorsioni da parte dello Stato Italiano, ad esporre la bandiera veneta, il gonfalone veneto, listata a lutto.

Invitiamo gli uomini  e le donne Veneti ad esporre il gonfalone veneto, la bandiera veneta,  listata a lutto, ed a vestire il segno del lutto a memoria dei nostri morti e di tutti quelli che dal 1915 al 1918 hanno lasciato la vita in una guerra che si poteva tranquillamente evitare, che si doveva evitare. Valga questo anche come atto di solidarietà e di scuse formali da parte del Popolo Veneto nei confronti di tutti i popoli d’Europa coinvolti nell’inutile massacro della guerra ed offesi dall’insipiente agire del Governo dello Stato Italiano.

Veneto Łión

22 Maggio 2015

Si fa presente che gli autori ed i referenti di questa Lettera Aperta firmata da Veneto Łión sono

Andrea Arman,

Patrizio Miatello,

Franco Rocchetta.

Si comunica inoltre che prima ancora della diffusione di questo testo, già una quindicina di Sindaci, rappresentanti di coalizioni politiche tra loro anche assai diverse, da Isola Rizza a Quarto d’Altino, venuti a conoscenza dell’essere questa Lettera Aperta in cantiere hanno aderito all’invito da essa veicolato condividendone i valori e le finalità.

La ringraziamo per l’attenzione, augurandoLe buon lavoro.


Plakataktion: Heimatbund erinnert an Kriegserklärung Italiens
Margreid: Gedenkfeier „100 Jahre Standschützen" und Enthüllung der Gedenktafel für Josef Noldin

Das könnte dich auch interessieren